top of page

Alla faccia degli incipit da lancio nello spazio, il romanzo del 1942 L'étranger (Lo straniero) di Camus , considerato uno dei più bei romanzi del 900, inizia con una frase di quattro parole semplicissima, potremmo dire una frase da scolaro di scuola elementare. In lingua francese, lingua con la quale è stato scritto il romanzo, è così: Aoujourd’hui maman est morte. È in questo modo che attacca la sua storia l’io narrante, un giovane trentenne.

Per noi italiani: Oggi la mamma è morta (Zevi, 1947) o Oggi è morta mamma (Perroni, 2015).

Gli statunitensi negli anni Quaranta hanno tradotto la frase con Mother died today; grammatica corretta, bella fluenza, bel sound, ma hanno usato al posto della parola mamma, che in inglese sarebbe mom, la parola mother (madre).

 

Camus però ha scritto maman (mamma: vicinanza, affetto, una certa atmosfera) non mère (madre: più distanza, meno affetto, un’altra atmosfera). Può sembrare una cosa da poco, ma non lo è: lo si capisce leggendo il romanzo e lo dice esplicitamente anche Camus negli scritti post pubblicazione, e in ogni caso la parola è mamma. Allora perché mother?

 

Perché non mom (mamma)?

Per una questione di ritmo, forse, e di musica: mom è un monosillabo fulminante che si connette in modo duro, spezzato a 'died'. Mom died today. L’incipit del romanzo perde la sua morbidezza (a touch of softness).

 

E perché non mommy? Mommy in inglese significa mammina. Potrebbe andare? No. Mammina è il modo con cui il trentenne Robertino chiama la madre nel film Ricomincio da tre di Massimo Troisi. A trent’anni l'uso del termina mammina è un po' patologico e, di certo, non può funzionare nell'incipit dello straniero.

 

Ed ecco che il nostro incipit semplice semplice, diventa un grattacapo e i traduttori statunitensi lo hanno risolto rinunciando alla traduzione corretta: meglio il suono giusto che il senso giusto.

 

In realtà nel 1988, un traduttore, Matthew Ward, guarda caso anche poeta (per definizione uno con la capacità di trovare una via d’uscita da qualunque stallo linguistico), nella sua traduzione (complessivamente molto bellina), colpo di scena, mantiene la parola francese maman, Maman died today.

 

Una scelta che è piaciuta a molti ma che non ha spodestato mother. A tutt’oggi.

 

Si rispetta il lettore anglosassone con il termine maman? Probabilmente sì. Mamma in tutto il mondo (o quasi) si pronuncia con lo stesso suono ma-ma-ma: si capisce, quindi, che parliamo di lei; la musicalità è buona; l’esattezza del termine è assoluta.

 

In portoghese mãe (madre) va bene perché si usa anche per dire mamma (A mãe está em casa? dice il fratello alla sorellina).

 

Aujourd’hui, maman est morte. Ou peut-être hier, je ne sais pas.

 

Oggi è morta mamma. O forse ieri, non so. (Perroni, 2015)

Mother died today. Or, maybe, yesterday; I can't be sure. (Gilbert, 1946)

 

Maman died today. Or yesterday maybe, I don't know. (Ward, 1988)

 

Hoje a mãe morreu. Ou talvez ontem, não sei. (Quadros, ?)

 

 

 

Hi mom look how much fun I have.

Questo è google che traduce invece Ciao mamma guarda come mi diverto.

Anche in questo caso serve aiuto.

Ward! Mi senti? Come te la cavi con le traduzioni italiano-inglese? Sei ancora vivo?

bottom of page